News
U=U impossibile sbagliare
18 September 2023

Dieci associazioni impegnate nella lotta all’Hiv lanciano la campagna

Studi ed evidenze scientifiche parlano chiaro: oggi una persona con Hiv in terapia  con carica virale non rilevabile non può trasmettere il virus. Lanciato lo spot che punta, dopo decenni di cattiva rappresentazione, a cambiare l’immaginario sul tema.

“L’opinione pubblica del nostro Paese non conosce l’epidemia da Hiv né tantomeno i progressi che la scienza ha fatto in questo ambito, e continua a reiterare contenuti vecchi e sbagliati, carichi di pregiudizi e stigma, che ancora oggi, dopo oltre quarant’anni dalle prime diagnosi, colpiscono le vite delle persone con Hiv”.  L’informazione – che è al centro della campagna – è innanzitutto una: numerosi studi – già a partire dal 2011 – hanno dimostrato che le persone con Hiv, che grazie alla terapia antiretrovirale raggiungono e mantengono livelli non rilevabili del virus nel sangue, non possono trasmettere il virus ad altre persone, nemmeno attraverso rapporti sessuali non protetti.”, dichiarano le associazioni.

“Siamo di fronte ad un enorme passo avanti della scienza nella lotta contro l’Hiv, è un fatto scientificamente dimostrato e non può essere negato”, spiegano le associazioni. E questo passo avanti ha importanti ricadute nella vita delle persone con Hiv.  Significa avere la stessa aspettativa di vita di qualunque altra persona, avere relazioni sessuali sane e soddisfacenti.  Significa poter avere figli e figlie con la certezza di non trasmettere loro il virus. U=U significa che il rischio di trasmissione dell’Hiv è ZERO. Significa finalmente libertà.

Nel 2016, Bruce Richman, attivista per i diritti delle persone che vivono con Hiv e pubblicitario newyorkese, ha coniato lo slogan U=U, per tradurre con un linguaggio immediato quello che le evidenze scientifiche avevano dimostrato senza alcun dubbio e che fino a quel momento veniva chiamato TasP (Therapy as Prevention, Terapia come Prevenzione). In particolare nell’acronimo si contrae la formula “Undetectable = Untransmittable” (“Non Rilevabile è uguale a Non Trasmissibile”), ovvero le persone che vivono con l’Hiv e hanno raggiunto una carica virale non rilevabile grazie a una terapia antiretrovirale efficace non possono trasmettere il virus attraverso i rapporti sessuali non protetti.

Questa evidenza, confermata da tutti gli studi realizzati fino ad oggi in questo ambito e che non hanno mai registrato un solo contagio nelle coorti di coppie sierodiscordanti, è stata perfino sottolineata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha rimarcato l’importanza di U=U nella sua Guida consolidata sulla prevenzione, il trattamento e la cura dell’Hiv del 2021. L’OMS afferma che le persone con una carica virale non rilevabile non trasmettono l’Hiv con rapporti sessuali non protetti.

Le associazioni indicano quindi le tre priorità per contrastare la diffusione del virus: pratiche sessuali più sicure, quali l’uso del preservativo e l’accesso alla profilassi pre-esposizione (PrEP), cioè ai farmaci che prevengono la trasmissione del virus anche in caso di rapporti non protetti a rischio; la diffusione del test di screening, che deve diventare un pratica periodica e ordinaria per tutte le persone,  perché è il fenomeno dei late presenters, cioè coloro che troppo tardi, e spesso già in fase sintomatica, scoprono di aver contratto il virus, a tenere alti i numeri dell’epidemia. E soprattutto: è necessario informarsi in maniera accurata, consultare esperti e fonti autorevoli, diffondere informazioni e corrette, per abbattere una volta per tutte lo stigma che ancora colpisce le persone che vivono con Hiv.

“Con questo obiettivo nasce questa campagna, per riaccendere le conversazioni nei luoghi sociali, favorire la presa di parola degli esperti e delle persone con Hiv sui mass media, riaggiornare le informazioni che, se sbagliate, orientano negativamente l’opinione pubblica e intossicano le relazioni sociali. È importantissimo dirci oggi, dopo 40 anni, che se è vero che l’Hiv non è ancora stato sconfitto con cure o vaccini efficaci, la vita delle persone con Hiv è radicalmente cambiata”.

La campagna 

Al centro della campagna U=U Impossibile Sbagliare c’è quindi l’incrollabile fiducia nella scienza e nelle scoperte che lungo la storia dell’Umanità sono diventate certezze assodate. Lo spot, ideato e realizzato da Diversity Lab con la direzione creativa di Giorgia Di Pasquale, ha come testimonial la speaker radiofonica e scrittrice Florencia Di Stefano-Abichain. È lei, nelle vesti di moderna divulgatrice, a guidarci in un rapido viaggio che ripercorre domande fondamentali a cui tutte e tutti sappiamo dare risposta: la Terra? è tonda; il fuoco? Brucia; 2+2? Fa 4. 

Risposte su cui è, appunto, impossibile sbagliare. All’interno di questi incrollabili dati di fatto vogliamo si inserisca U=U, Non rilevabile = Non trasmissibile. È tempo che le evidenze scientifiche sull’Hiv e sulle persone che vivono con l’Hiv siano di pubblico dominio, andando a demolire le narrazioni stigmatizzanti degli ultimi anni. Soprattutto nella comunicazione sociale. La campagna comprende anche il sito impossibilesbagliare.it nel quale sono raccolte tutte le informazioni e le fonti da cui sono tratte.

Diversity Lab si impegna da anni nel promuovere una comunicazione e un’informazione corretta e inclusiva verso tutti i gruppi marginalizzati. Da qui la scelta di un tone of voice spigliato, ironico, privo di pietismi, con la creazione di una campagna multisoggetto che punta a rispondere ai rapidi tempi della fruizione digitale. L’obiettivo è quello di costruire un nuovo immaginario attorno al tema, così da migliorare sensibilmente le vite di chi, per decenni e ancora oggi, subisce ingiuste discriminazioni.

Le fonti scientifiche:

Tra i principali studi che hanno dimostrato l’efficacia di U=U c’è lo studio HPTN 052 del 2011, un trial randomizzato in doppio cieco che ha coinvolto 1.763 coppie sierodiscordanti (coppie in cui uno dei partner vive con Hiv e l’altro no).  Lo studio ha dimostrato che, tra le coppie in cui il partner con Hiv ha iniziato la terapia precocemente e ha raggiunto una carica virale non  rilevabile, non si sono verificati casi di trasmissione del virus all’altro partner durante una media di 2,5 anni di follow-up. (LInk)

L’Opposites Attract del 2017 è stato uno studio prospettico condotto su coppie maschili omosessuali sierodiscordanti. Il partner con Hiv era in terapia antiretrovirale con una carica virale non rilevabile.  Lo studio ha confermato che non sono state osservate trasmissioni dell’Hiv durante il periodo di follow-up, in cui le coppie hanno avuto rapporti sessuali senza l’uso del preservativo.

Successivamente, sono stati condotti altri studi che hanno confermato questi risultati, tra cui gli studi, PARTNER1 e PARTNER2, pubblicati rispettivamente nel 2016 e nel 2019. 

In questi due studi, sono state coinvolte 1330 coppie sierodiscordanti (in PARTNER1, coppie omo ed eterosessuali, in PARTNER2 coppie omosessuali) e sono stati monitorati 134.088 rapporti sessuali non protetti in cui la persona con Hiv assumeva regolarmente la terapia HAART per mantenere la carica virale non ilevabile. In entrambi gli studi, non si è verificata NESSUNA trasmissione del virus dalle persone con Hiv ai loro partner, pertanto oggi possiamo dire che il rischio di trasmissione è Zero.

Gli studi clinici sopra menzionati, insieme ad altri contributi scientifici, hanno fornito evidenze solidissime sul fatto che una carica virale non rilevabile, raggiunta attraverso un’efficace terapia antiretrovirale, previene la trasmissione dell’Hiv.

Credits:
Campagna ideata da Giorgia Di Pasquale per Diversity Lab
Produzione video Akra Studios
Regia Giorgia Di Pasquale
Campagna fotografica Jordi Morell
Ufficio stampa
Vincenzo Branà – 338.1350946

  • News
    Giornata mondiale per la Lotta all’Hiv/Aids: Donatella Versace sostiene Milano Check Point
  • News
    Milano Check Point: Salute Sessuale Universale